Close
Close

I'm a boater! Email me yachts and information.


I accept YachtWorld's Terms of Use

2004 Gianetti Navetta 24

A$  1,786,150*
Mediterranean Sea, Italy
Interested in this boat? Tel: +39 335 292129
  • Description
  • View Full Specifications
 

Gianetti Navetta 24

Year:
2004
Length:
26m
Engine/Fuel Type:
Twin / diesel
Located In:
Mediterranean Sea, Italy
Hull Material:
Fibreglass/GRP
YW#:
78687-3530467
Current Price:
EUR  1,100,000 Tax Paid (A$  1,786,150) 

Gianetti Navetta 24

Foto della barca su richiesta.

photo of the boat on request.

 

ENG

After the race to achieve the highest speed the large motoryacht sector has returned to its senses, once more offering style, elegance and comfort rather than heightened performances.

So, almost in parallel with the new era of refined slow food which includes the proposal to recover ancient flavours, here we have displacement cabin cruisers coming back into the limelight. No longer commuter vessels useful for linking two waypoints - those of departure and arrival - in the shortest possible time, but floating homes where you can experience the sea in accordance with its natural rhythms made up of dawns and sunsets, silent crossings and tranquil moments at anchor. Seen with the shipyards' eyes this new request from the market is at the same time enticing and demanding, since making a displacement hull in no way means just under-powering a planing one: rather it means espousing a completely different design philosophy and acquiring specific technical abilities. Over about thirty years of activity the Gianetti yard has demonstrated on several occasions that it possesses this agility and is ready to follow - and sometimes even condition - new market orientations.

This model stands at the hinge-point between the boat and ship categories, a long range ocean cruiser that can sail non-stop for more than 1.500 miles at a speed of 12 knots with her engines - two Caterpillar C18s of 1.015 HP each - scarcely 45% under load. If one thinks that with these conditions consumption is just 140 litres per hour, it is easy to understand why it would be inappropriate to press ahead to reach the maximum 16 knots, a speed paid for by a more than doubled flow of diesel.

As regards the interior decoration, this yacht is available in three standard versions as follows: 5 or 6 guest cabins for the so called two-family; 4 for the "classic"; and a suite with lounge/study, a VIP cabin, a guest cabin and a skipper's cabin for the "owner's" version. In all three cases there are two double cabins for the crew, and the technical areas such as the bridge, the galley, the engine room and the stowage space remain more or less unvaried.

Special mention must be made of the saloon in the vessel we visited, an example of sober elegance wedded to rationality. Here subdivision of the spaces is purely functional, with the dining area consisting of a round table seating six and an L- shaped saloon. Almost as if to function as a wing, on the forward side a fine console element leaves space for two symmetrical side corridors: the one on the port side leads to the galley and the one on the starboard side to the cabin area.

Though the comfort of the cabins is of a high level it is easy to imagine that the best place to be while under way - especially in fine weather - is the flying bridge. It is actually a mixture of what, on cruise ships, is called boat-deck and sundeck: an extensive open space, far from the subdued drone of the engines (in this case really low)where life aboard can be lived in its most varied forms. And in this case too, separation of the guest area from the technical - consisting of a slightly raised command bridge - is more virtual than effective, re-proposing the same sense of space that is felt below deck. Continuing from the architectonic point of view, it is interesting to note that the indoor bridge - of a clearly professional layout - is located at an intermediate height between the deck bridge and the flying bridge, precisely along the passage that leads from the former to the latter: the skipper thus has immediate access to the vessel's most important operational zones. On this subject we point out the two small manoeuvring stations (with levers for the inverters and a joystick for the bow propeller) placed in strategic positions: one at the aftermost end of the flying bridge and the other, extractable, in a cavity in the cockpit.

 

ITA

Dopo la furiosa corsa al primato della velocità il settore dei grandi motoryacht ha recuperato in saggezza.

Perciò, quasi parallelamente alla nuova éra del raffinato slow food, che contiene in sé la proposta di recupero degli antichi sapori, ecco tornare alla ribalta i cabinati a dislocamento: non più commuter utili a collegare due waypoint - quello di partenza e quello di arrivo - nel più breve tempo possibile, bensì dimore galleggianti nelle quali vivere il mare secondo i suoi ritmi naturali, fatti di albe e di tramonti, di silenziose traversate e di placide soste alla fonda.

Vista con gli occhi dei cantieri, questa nuova domanda di mercato è, allo stesso tempo, allettante e impegnativa, poichè fare uno scafo dislocante non significa affatto sottopotenziare un planante: significa, piuttosto, sposare una filosofia progettuale completamente diversa e acquisire competenze tecniche specifiche. Nel corso di quasi trent'anni di attività, il cantiere Gianetti ha dimostrato in varie occasioni di possedere questo tipo di agilità, rendendosi pronto a seguire - e talvolta addirittura a condizionare - i nuovi orientamenti del mercato.

Questa Navetta 24 si pone come punto di cerniera tra la categoria delle imbarcazioni e quella delle navi, presentandosi come un cruiser d'altura a lunga autonomia, capace di procedere ininterrottamente per oltre 1.500 miglia a una velocità di 12 nodi, con i motori - due Caterpillar C18 da 1.015 hp ciascuno - sotto carico per appena il 45 per cento. Se si pensa che in tali condizioni il consumo è di appena 140 litri l'ora, è facile comprendere come non sia il caso di forzare l'andatura per raggiungere i 16 nodi di velocità massima, che vengono pagati con un flusso di nafta più che raddoppiato.

Per quanto riguarda l'allestimento degli interni, questa navetta viene proposta in tre versioni standard così articolate: 5 o 6 cabine ospiti per la cosiddetta "bifamiliare"; 4 per la "classica"; una suite con salotto/studio, una "vip", una cabina ospiti e una per il comandante, per la versione "armatoriale". In tutti e tre i casi, sono presenti due cabine doppie per l'equipaggio, così come restano più o meno invariati anche i locali tecnici, come la plancia, la cucina, la sala macchine, i vani di stivaggio.

Una nota particolare va assegnata all'ampio salone dell'esemplare da noi visitato, esempio di sobria eleganza sposata alla razionalità. Qui, la suddivisione degli spazi è esclusivamente funzionale, con la zona pranzo composta da un tavolo tondo per sei commensali e un salotto a "L". Quasi a fungere da quinta, sul lato prodiero, un bel elemento consolle lascia spazio a due corridoi laterali simmetrici: quello di sinistra diretto alla cucina; quello di dritta diretto alla zona cabine.

Per quanto il comfort degli alloggi e dei vani comuni sia assai elevato, è facile immaginare che l'ambiente privilegiato per trascorrere le ore di navigazione - soprattutto durante la bella stagione - sia rappresentato dal flying bridge. In realtà si tratta di un mix di ciò che, sulle navi da crociera, viene chiamato ponte-lance e ponte-sole: un'ampia superficie aperta, lontana dal rombo sommesso delle macchine (in questo caso, davvero contenuto), sulla quale la vita di bordo può essere vissuta nelle sue più svariate forme.

E, anche in questo caso, la separazione della zona ospiti dalla zona tecnica - costituita da una stazione di guida leggermente sopraelevata - è più virtuale che effettiva, riproponendo quello stesso senso di spazio che si respira sottocoperta. Sempre dal punto di vista architettonico, è interessante notare che la plancia interna - di chiara impostazione professionale - è posta a quota intermedia tra il ponte di coperta e il fly, proprio lungo il passaggio che dal primo conduce al secondo: ciò che consente al comandante di avere un immediato accesso alle zone operative più importanti dell'imbarcazione. A questo proposito, notiamo la presenza di due piccole stazioni di manovra (dotate di leve per gli invertitori e joystick per l'elica di prua), poste in posizione strategica: una, all'estremità poppiera del fly; l'altra, estraibile, in un'intercapedine del pozzetto.

 

SPECIFICATION

Length:

25,60 mt

Beam:

6,16 mt

Draft:

1,55 mt

Hull Material:

Fiberglass

Fuel Capacity:

18000 lt

Water Capacity:

2000 lt

Flag:

ITALY

Location:

MEDITERRANEAN SEA

Year:

2004/2005

 

 

LAYOUT

Cabins:

5 + 2 CREW

Berth:  

-

Toilet:

5 + 1 CREW

 

 

ENGINE

Brand: 

CATERPILLAR

Model:

C18 DITA

Power:

2 X 1050 HP

Engine hours:

-

Trasmission:

SHAFT DRIVE

Fuel:

Diesel

 

 

ELETTRIC

12V - 24V - Air Conditioning - Heating system - Generator 2 x 19 Kw

 

 

 

EQUIPMENT

GPS/Plotter - Autopilot - Radar - VHF - ECO - Log

 

 

 

ACCESSORIES

Bow thruster -Srern thruster -  Bathing ladder - Crane - Windlass - Galley - Cockpit covering - Bimini top - Bow sun cushion - Cushions - Fridge - Freezer - Oven - Microwave - Underwater lights - Washing machine - Dish washer - DVD - Stereo sound system - Sat tv system - TV - Weather station - Water pump -Chain counter -  Shore water plug - Stern mooring winch - Gangway - CD player - Coverings - Leather sofa - Sink in cockpit - Battery charger - Fridge in cockpit - Grill in cockpit - Searchlight - Water heater - Teak platform - Teak cockpit - Stabilizing fins, stern camera, two side doors, 5 cabins including 1 owner on the separate main deck.

 

Elica di prua - Elica di prua - Scala da bagno - Gru - Salpa ancora - Cucina - Copertura pozzetto - Bimini top - Cuscino prendisole di prua - Cuscini - Frigorifero - Congelatore - Forno - Microonde - Illuminazione subacquea - Lavatrice - Lavastoviglie - DVD - Impianto stereo - Impianto tv satellitare - TV - Stazione meteorologica - Pompa dell'acqua - Bancone da bar - Spina d'acqua per banchina - Argano di poppa - Passerella - Lettore CD - Coperture - Divano in pelle - Lavandino nel pozzetto - Caricabatterie - Frigo in pozzetto - Grill in pozzetto - Proiettore - Scaldabagno - Piattaforma in teak - Pozzetto in teak - Pinne stabilizzatrici, telecamera di poppa, due porte laterali, 5 cabine di cui 1 armatoriale sul ponte principale separata.

 

 





Sales Manager
Edmondo de Astis
cell.: +39 389 5833829
email: edeastis@timoneyachts.it
Timone Yachts Dealer



Please contact at +39 335 292129

Interested in this boat? Tel: +39 335 292129
Visit Website
*This price is based on today's currency conversion rate.
Email Us
Please enter a valid name!
Please enter a valid email address!
RE: Gianetti Navetta 24, Mediterranean Sea, Italy
Message cannot be empty!
sending...

Tel: +39 335 292129
Timone Yachts - Azimut | Benetti Group's Official Dealer

Via Monte Ortigara, 3/H
Lignano Sabbiadoro (UD)
Italy

Timone Yachts - Azimut | Benetti Group's Official Dealer
Please enter a valid name!
Please enter a valid email address!
Message cannot be empty!
sending...